Uncategorized

Gioco di Stato. Scendiamo in piazza per difendere la nostra reputazione

By dicembre 11, 2019 No Comments

Siamo stanchi e lo ripetiamo da mesi. Gli ultimi provvedimenti del governo e l’ulteriore
tassazione sul settore degli apparecchi da gioco condanna al licenziamento migliaia di
lavoratori del settore.

Non ci resta che scendere in piazza per protestare al fianco di
gestori, produttori e costruttori di apparecchi da intrattenimento pur di scongiurare
l’ulteriore e scriteriato aumento del prelievo erariale unico che, a partire dal primo gennaio
2020, porterebbe la tassazione effettiva ad oltre il 75%.

Questa situazione ci costringe a proclamare lo stato di agitazione e a partecipare uniti alla manifestazione del 17 dicembre in Piazza Monte Citorio a Roma per difendere il nostro diritto al lavoro, per tutelare le
nostre famiglie e soprattutto per salvaguardare la nostra dignità di lavoratori. Il preannunciato aumento del Prelievo Erariale da parte dello Stato rischia di provocare gravissime conseguenze e far crollare l’intera filiera del Gioco pubblico sottoposta a ripetuti aumenti della tassazione.  L’Associazione “Non Siamo Solo Numeri” respinge con fermezza provvedimenti che rischiano di bruciare migliaia di posti di lavoro, di generare
altra disoccupazione cedendo a reiterati prelievi dalle tasche delle piccole e medie
imprese di gestione, dei bar, tabacchi e pubblici esercizi.